Ray Ban Tondi Neri

Radical Poetics and Secular Jewish Culture (Modern Contemporary Poetics)About this Item: New York: Story Magazine, Inc., November 1937., 1937. 108 pages plus covers. Paperback; H 23.25cm x L 17.25cm. La grande popolarità gli arrivò dall’Italia, da un maestro del cinema del mondo, Luchino Visconti. Quando il regista milanese decise di fare Senso aveva idee molto precise. Riteneva di aver esaurito la sua fase “realistica”, con opere come La terra trema e Bellissima, e voleva dirigere un film di grande estetica e di discreto melodramma.

Mesi fa il creatore di Facebook Mark Zuckerberg si era mostrato in un selfie in cui si vedeva un cerotto coprire la webcam del suo laptop. Molti lo avevano preso in giro per questo eccesso di sicurezza. Ma ora, a lanciare un serio allarme, ci pensa James Comey, direttore dell’Fbi: “Coprite le webcam, potrebbero usarla hacker per violare la privacy e ricattarvi”.

In the past, imaginative geniuses made great accounts of their philosophies, so we know they embraced both the nature of things and how to observe the world broadly. In recent centuries, however, we have subjected the phenomenon of nature to specialization. While there is something gained from a narrow focus, in the development of exquisite technologies, the big picture is frequently forgotten and unwitting undertakings such as climate engineering, are pursued.

Seguiranno altre commedie come Tutti i mercoledì (1966) e A piedi nudi nel parco (1967) con il belloccio di turno Robert Redford.Il matrimonio con Roger Vadim e l’immagine di sex symbolA questo punto, già plurinominata ai Golden Globes, decide di cambiare aria per maturare artisticamente e vola in Francia, dove conosce il regista Roger Vadim, il quale la introduce nell’Europa cinematografica intellettuale e di sinistra che conta e ne fa la star di film come Barbarella, con il ruolo di una sexy e conturbante viaggiatrice dello spazio (accanto al nostro Ugo Tognazzi e con una fugace scena a seno nudo che farà parlare di lei) e Tre passi nel delirio, film collettivo (Vadim, Louis Malle e Federico Fellini sono gli autori) ispirato dai racconti di Edgar Allan Poe, nel quale interpreta la dissoluta Contessina Frederica. Sono gli anni in cui la Fonda è il sex symbol in contrasto con la sua immagine tragica in Non si uccidono così anche i cavalli? (1969) di Sydney Pollack, che le fa guadagnare la sua prima candidatura all’Oscar. Intanto, supporta gli indiani d’America nella loro occupazione dell’isola di Alcatraz.

Lascia un commento